Marzo 2019 – Lu(ri)doteca

Mese: Marzo 2019

Signal Close Action: una traduzione

Published / by luridoteca / 1 commento su Signal Close Action: una traduzione

La nostra traduzione del regolamento di Rod Langton su un altro sito. E nessun accenno al nostro lavoro!

Da tempo, molto tempo, per il navale napoleonico usiamo il regolamento di Rod Langton Signal Close Action, nelle due versioni completa e Fast Play. Per uso esclusivamente interno avevamo a disposizione una traduzione in italiano del Fast Play via via integrata, nel corso degli anni, con le regole del regolamento completo (e più complesso), opera di Gualtiero. Più volte abbiamo presentato scenari basati su questo regolamento che ci è sempre piaciuto, malgrado alcune lentezze nel calcolo dei danni da parte di giocatori meno esperti.

Una vecchia foto: uno dei momenti cruciali della battaglia di Trafalgar

E più volte, su richiesta, abbiamo condiviso la traduzione con altri giocatori in Italia, ben contenti di essere di aiuto e di contribuire a diffondere questo bellissimo hobby che è il wargame. Ci perdonerà l’autore – Rod Langton – se abbiamo diffuso qualche copia non autorizzata ma, per rispetto del suo lavoro, non abbiamo mai pubblicato sul sito la nostra traduzione. Sito sul quale, invece, è ancora disponibile qualche regola fatta in casa (http://www.luridoteca.net/material/scahouse.pdf) per l’iniziativa.

Ancora una foto dalla ricostruzione (e simulazione) della battaglia di Trafalgar

Con molta sorpresa, quindi, navigando in rete, qualche giorno fa ho scoperto una copia online della nostra traduzione (solo con qualche modifica) sul sito dell’Associazione Ludica Apuana. La potete leggere qui: http://www.associazioneala.it/wp-content/uploads/2012/07/Microsoft-Word-regolamento-signal-close-action.pdf. Si tratta di un documento in formato PDF chiaramente derivato dal nostro: stessi colori, stesso testo, stessa grafica, solo in formato A4 anzichè A5 orizzontale (come avevamo scelto per somiglianza con il formato dell’originale in inglese).

Ma sul documento o sulla pagina web dove si può scaricare nessun accenno all’autore inglese (Rod Langton), al traduttore o alla nostra associazione. Che dire … sono un po’ dispiaciuto!