A la Guerre… – Lu(ri)doteca

Categoria: A la Guerre…

La battaglia di Rethel 1650

Published / by luridoteca

Henri de la Tour d’Auvergne-Bouillon detto il Grand TurenneIl 15 dicembre del 1650 César de Choiseul, conte di Plessis-Praslin, alla testa di una piccola armata francese, sconfiggeva l’ex-collega Henri de La Tour d’Auvergne, visconte di Turenne, anche lui francese ma al comando di truppe per la maggior parte spagnole. Sono gli anni della cosidetta Fronda dei principi, che vedeva parte della nobiltà francese combattere la reggente Anna d’Austria e il vero detentore del potere, il cardinale Mazzarino. Qui trovate lo scenario.
La battaglia è piccola. Così piccola che può essere ricostruita e simulata con il regolamento A la Guerre… ¡¡No queda sino batirnos!! – usando solo 30 basi di cavalleria e fanteria.
È anche particolare perché contrappone un’armata francese composta di truppe esperte, addestrate e ben equipaggiata ma mal guidate da generali non troppo efficaci a un esercito franco-spagnolo guidato invece da alcuni dei più capaci generali francesi, temporaneamente al servizio di Filippo IV re di Spagna.
È un ottimo scenario per testare il regolamento, se non lo avete mai provato, o per una battaglia veloce uno contro uno.
Un’ultima curiosità. La battaglia fu combattuta in realtà tra Sommepy, Saint-Etienne-a-Arnes e Semide ma dato che il cardinale Mazzarino si trovava, nel corso dei combattimenti, nella vicina cittadina di Rethel, questo fu il nome con cui ci è stata tramandata.

Scenario più originale ad Hellana 2018

Published / by luridoteca

Scenario più originala ad Hellana 2018: la targa!Lo scenario Sulla via di Derry per A la Guerre… de cape et d’epée è stato premiato, domenica 25 aprile ad Agliana, come Scenario più originale. Si tratta di uno scenario ambientato nell’Irlanda del Nord nel 1689: granatieri e fanti inglesi controllano un crocevia sulla strada che porta a Derry quando l’avanguardia dell’armata giacobita in marcia verso nord arriva in vista del crocicchio.
Purtroppo l’unica foto scattata da noi è questa allegata al post: ci siamo fatti prendere dalla manifestazione e dal gioco e non ne abbiamo scattate altre, ahimè. Le altre foto che sono riportate nella galleria qui di seguito sono state scattate prima della partenza (a parte le prime due che sono su questo sito grazie alla cortesia di Giuseppe Maddaloni).
Devo dire, come parziale scusante, che il tavolo è stato giocato parecchio e, grazie anche alla rapidità delle regole, siamo riusciti a concludere tre partite complete (tra sabato e domenica)!

Da notare anche che I tre moschettieri di Firenze hanno allestito un tavolo su cui era ricostruito lo scenario della seconda battaglia di Breitenfeld per A la Guerre… ¡¡No queda sino batirnos!!. Grazie a loro ad Agliana c’erano ben due tavoli che utilizzavano i regolamenti della serie A la Guerre…!

Infine approfittiamo per fare i complimenti ai soci del Gruppo ludico aglianese per la splendida manifestazione che organizzano ormai da 18 anni! Bravi!

Il tappezziere di Notre-Dame

Published / by luridoteca

Neerwinden, 29 luglio 1693

La serie di scenari per il regolamento A la Guerre…, in particolare per la Guerra della grande alleanza, si arricchisce ancora con la battaglia di Neerwinden (o di Landen) tra i confederati guidati da Guglielmo III d’Inghilterra (Guglielmo d’Orange) e le armate di Francia con alla testa il maresciallo de Louxembourg. Con l’occasione sono state riviste e aggiornate le liste per la Guerra della grande alleanza.
Il composito esercito alleato (inglesi, olandesi, spagnoli, tedeschi e imperiali) in inferiorità numerica combatte uno scontro esclusivamente difensivo, consumando le proprie truppe fino al cedimento finale. Una grande vittoria per Louxembourg che deve a questa battaglia il soprannome di tappezziere di Notre-Dame visto che con le numerose bandiere conquistate dai soldati francesi si poté tappezzare, a quanto si racconta, la cattedrale di Parigi!
Una curiosità. Il campo di battaglia, lo schieramento dei due eserciti, lo svolgimento dello scontro, somigliano molto alla battaglia di Alerheim di cinquant’anni prima (la seconda battaglia di Nordlingen).

Una nuvola di parole

Published / by luridoteca

L’immagine presentata qui di seguito è stata ottenuta costruendo una Tag Cloud con le parole usate nei post pubblicati sulla pagina Facebook della Lu(ri)doteca in questo primo anno di presenza sul social più conosciuto e utilizzato.

Spiccano, a parte Latina, le parte le parole guerre e battaglie ma per fortuna riferite solo alle battaglie simulate su un tavolo di gioco. In particolare guerre è spesso presente perchè parte del titolo del regolamento sviluppato da Gualtiero Grassucci e dalla Lu(ri)doteca: A la Guerre… per l’appunto.

Fa piacere, però, vedere che sono evidenti anche le parole insiemeludoteca e scienza. Nell’ultimo anno (anno e mezzo), infatti, l’associazione ha moltiplicato le sue uscite pubbliche e ampliato il pubblico delle attività ludiche organizzando due giorni di ludoteca di Natale a cavallo del capodanno 16/17, esperienza ripetuta e ampliata quest’anno, due serate ludiche presso il centro sociale Nuova Latina a ottobre e dicembre, la ludoteca nell’ambito della manifestazione Lievito in primavera e, ancora, partecipando alla Notte europea dei ricercatori presso l’Area di Ricerca di Tor Vergata (ARToV).

Davvero un anno pieno di attività! Ed ora ecco a voi … la tag cloud.

Le parole del 2017

La Guerra dei trent’anni

Published / by luridoteca

Malgrado la Lu(ri)doteca sia stata, in questi ultimi mesi, fortemente impegnata sul fronte dei giochi da tavolo e dell’animazione di ludoteche, non sono mancate le novità per il regolamento A la Guerre…

Novità che hanno in gran parte riguardato gli scenari per il periodo finale della Guerra dei trent’anni e la revisione delle liste legate a questo conflitto. In particolare sono stati aggiunti gli scenari per:

Una curiosità. Rocroi è l’ottantesimo scenario per il regolamento A la Guerre… Davvero niente male!

Due nuovi scenari per A la Guerre…

Published / by luridoteca

Sul sito dedicato al regolamento A la Guerre… sono stati pubblicati due nuovi scenari per la Guerra trent’anni, entrambi combattuti nei pressi di Breitenfeld a undici anni di distanza:

  • La prima battaglia di Breitenfeld, combattuta il 17 settembre 1631, all’inizio del cosiddetto periodo svedese della guerra. Un vero capolavoro tattico di Gustavo Adolfo, una vittoria che spostò l’equilibrio del conflitto dalla parte svedese e che convinse molti principi protestanti a schierarsi con il re scandinavo.
  • La seconda battaglia, del 2 novembre 1642. Sono passati undici anni, Gustavo Adolfo è morto a Lutzen (vedi Lutzen 1632) che si trova, tra l’altro, a circa trenta chilometri da Breitenfeld, ma i signori della guerra svedesi dettano ancora legge in Germania e l’impero asburgico ormai fatica a reclutare nuovi eserciti.

GobCon Express

Published / by luridoteca

La Lu(ri)doteca parteciperà sabato 17 giugno prossimo alla GobCon Express organizzata da Boardgames Latina presso il Parkhotel che si trova sulla strada statale 156 dei Monti Lepini al numero 25.

Ci sarà la possibilità di provare la battaglia di Duleek del 1690 ambientata in Irlanda con il regolamento A la Guerre… ¡¡No queda sino batirnos!! e i giocatori potranno schierarsi con le truppe inglesi e olandesi all’inseguimento del nemico sconfitto o difendere il passaggio sul fiume Nanny sacrificandosi per salvare il grosso dell’esercito in ritirata. Lo scenario della battaglia è qui mentre il regolamento si può scaricare nella pagina Download di questo stesso sito.

Negli intermezzi della battaglia si potrà simulare una battaglia nei cieli dell’Europa stravolta dal primo conflitto mondiale con i biplani di Wings of War.

Vi aspettiamo!

Il ridotto di Tereheyden

Published / by luridoteca / Leave a Comment

Martedì sera ricostruzione romanzata di un episodio tratto da Il Sole di Breda, cap IX – Il maestro di campo e la bandiera di Arturo Perez-Reverte. Scenario per A la guerre… de cape et d’epée, regolamento per piccoli scontri (lo scenario lo trovate qui).
I fanti spagnoli, spalleggiati da una forte squadra di dragoni, protagonisti di un’incursione dietro le fortificazioni olandesi a protezione di Breda alla ricerca della bandiera del battaglione di Cartagena perduta la notte precedente.
In realtà, per gran parte della partita, la bandiera è rimasta in mano a un manipolo di mercenari scozzesi al servizio della Repubblica delle province unite che si sono battuti con coraggio contro un nemico superiore per numero e determinazione ma alla fine hanno dovuto soccombere e con loro le squadre di fanti olandesi che difendevano tenacemente gli edifici del piccolo abitato fuori Breda.
La bandiera, quindi, riconquistata dalle truppe spagnole che, per di più, sono rimaste padrone del campo avendo costretto alla fuga il nemico!

Les amateurs et les secrets

Published / by luridoteca / Leave a Comment

Un’avventura nella Parigi del 1630 giocata con de cape et d’épée (regolamento skirmish della Lu(ri)doteca) e basta sullo scenario Les amateurs et les secrets.
L’avventura è finita in tragedia per Aramis (e per Athos che lo spalleggiava). Mentre tentava, con successo per’altro, di liberarsi di Rochefort e delle guardie del Cardinale, il suo rivale in amore, il marchese de la Tour, poteva rovistare indisturbato intorno alla locanda del Gufo Rosso e trovare un fazzoletto ricamato e una lettera, chiare prove del tradimento della moglie. La tresca tra Aramis e la signora de la Tour ormai non può essere più tenuta nascosta.
Molto meglio è andata a d’Artagnan: grazie all’aiuto del fido amico Porthos è riuscito a incontrare il messo dell’elettore di Baviera e abbandonare il campo con il messaggio per il re. Purtroppo il valletto Blanchet, compagno di tante avventure, è rimasto sul campo, vittima della ragion di stato e dei proiettili delle guardie di Richelieu.
Dal punto di vista tattico, magistrale la gestione degli eventi dell’infido marchese de la Tour che prima ha finto di impegnarsi in un combattimento corpo a corpo con i moschettieri di monsieur de Treville, chiamando a se Rochefort e le guardie che lo accompagnavano per poi abbandonarli e sguinzagliare gli sgherri assoldati alla ricerca di prove del tradimento!
Bella partita!

Nuovi scenari per il regolamento A la Guerre…

Published / by luridoteca / Leave a Comment

Negli ultimi tempi sul sito dedicato al regolamento A la Guerre… – alaguerre.luridoteca.net/ – sono stati aggiornati o pubbicati ex-novo alcuni scenari. Più precisamente:

  • Per le Guerre Austro-Turche (regolamento A la Guerre… ¡¡No queda sino batirnos!!) sono ora anche disponibili come pagina web gli scenari della battaglia di Mogersdorf (o battaglia di San Gottardo o ancora, del fiume Raab) del 1664 e della battaglia di Párkány (o battaglia di Štúrovo) del 1683.
  • sce71fle-iAggiornati i due scenari per la guerra franco-indiana, entrambi ambientati sui Piani di Abramo, dinanzi le mura di Québec. Si tratta di due scenari pubblicati la prima volta nel 2008, tra i primi per il regolamento A la Guerre… Battaglia nell’era dei lumi. Con un tavolo in cui si ricostruiva la battaglia di Québec (battaglia dei Piani di Abramo per i britannici) veniva presentato il regolamento (qui ci sono alcune foto).
  • La battaglia di Fleurus del 1690 (a cui si riferisce l’immagine qui a destra, olio su tela di Denis Martin). Uno scontro un po’ fuori dai canoni classici del secolo A Fleurus il duca di Luxembourg progetta e realizza una vera e propria manovra di aggiramento ben più ardita, impegnando l’avversario al centro e portando una colonna di fanteria e cavalleria oltre l’ala sinistra dell’esercito confederato. Manovra magistralmente eseguita che in poche ore provocò la sconfitta del principe di Waldeck. Oltre allo scenario classico, da tavolo di wargame, c’è una proposta per simulare la battaglia strategica usando le regole apposite contenute nel Supplemento A (e che si possono scaricare gratuitamente nella pagina Download del sito dedicato al regolamento).